Canapa 100% di Maeko Tessuti

canapa_100_maeko_1024x683 copia

Tessuto naturale
a filiera controllata


 

Maeko Tessuti è un’azienda italiana che produce tessuti naturali di alta qualità a filiera controllata, Ciascun prodotto è volto a soddisfare le esigenze di quelle aziende che scelgono di coniugare la qualità all’etica nel rispetto delle “regole naturali”. Maeko, fornisce inoltre completa assistenza per l’avvio e la realizzazione di progetti tessili, suggerendo la scelta e la personalizzazione dei tessuti per una produzione esclusiva.

In Italia non vi più attualmente la possibilità
di trasformare la fibra di canapa in filo. È possibile la coltivazione della pianta ma non vi sono più i macchinari per lavorarla.
Maeko sta lavorando per riportare l’intera filiera della canapa in Italia, per dare vita ad una produzione completamente trasparente e interamente Made in Italy.

Resistente e facile da coltivare, la pianta di canapa avendo caratteristiche urticanti non richiede l’uso di pesticidi e diserbanti.
La gamma di tessuti ottenibile dalla sua fibra è molto ampia: grazie ai moderni processi di macerazione e degommaggio, si è riusciti a filare titoli fino ad ottenere tessuti simili ai lini più sottili usati nell’abbigliamento.

Il tessuto di canapa filtra il 95% dei raggi ultravioletti, ha un notevole potere di assorbimento e disperde facilmente l’umidità del corpo. Essendo una fibra cava, si caratterizza per un effetto termostatico che permette di sviluppare una sorta di “coibenza naturale“ grazie a cui è possibile percepire una sensazione di freschezza in estate e di caldo in inverno.

>>>www.maekotessuti.com

 
 
 
 
Foto per gentile concessione di Maeko Tessuti che ha aderito alla mostra Smart Textiles 2017



Lascia una risposta

venetian_sunset_1024x683
Chic Words, perché questo progetto?
Chic Words | Underground Venice | Street Art | Amore e Psiche
Underground Venice: nuovi dettagli
venice_design_week_2017_1024x683
Chic Words alla Venice Design Week 2017
Fashinnovation 2020 | Chic Words
Fashinnovation Worldwide Talks 2020: giorno 1