Il lato umano dei dati

Noi come hybrid beings


 

Nella realtà contemporanea – l’era dell’informazione – possiamo considerare noi stessi come hybrid beings, ovvero esseri ibridi divisi tra una parte reale (fatta di sangue, muscoli, ossa, pensieri, emozioni,…) e una parte digitale (fatta di avatar, bits, dati, …).

L’importanza della nostra identità digitale, e il suo profondo impatto sulla nostra identità fisica, è evidenziato dal fatto che le tecnologie digitali si stanno diffondendo in tutti gli aspetti delle nostre vite reali. Noi scambiamo informazioni attraverso Internet o le reti satellitari in ogni momento della nostra giornata: quando ascoltiamo la nostra playlist preferita su Spotify mentre facciamo colazione, quando leggiamo le ultime notizie attraverso le edizioni digitali dei quotidiani, quando prenotiamo un ristorante per un pranzo di lavoro, paghiamo il biglietto del treno, quando ordiniamo un regalo per nostro nipote attraverso Amazon, mandiamo una foto usando Whatsapp, quando archiviamo un documento importante su una piattaforma cloud, quando controlliamo i miglioramenti delle nostre prestazioni di corsa al parco, when we check the improvement of our jogging performances at the park,… Tutte queste operazioni sono possibili perché la rete colleziona ed elabora per noi una grande mole di dati, traducendo le nostre azioni e scelte attuate nel mondo reale in dati per il mondo digitale. In seguito la rete ci restituisce questi dati, nel momento in cui ne abbiamo bisogno, in tempo reale e confezionati su misura in base alle nostre richieste.

Una delle ultime aree della nostra vita, una delle più importanti, che ha iniziato ad utilizzare le nuove possibilità offerte dalla tecnologia di estrarre dati in modo semplice, accurato e usarli a nostro vantaggio, è la cura della persona.
Al fine di scegliere la destinazione del nostro prossimo viaggio, sentiamo il bisogno di un sito che confronti la qualità e il prezzo di centinaia di alberghi, perché non dovremmo fare lo stesso per poter scegliere il più efficiente centro di cura?

Per rispondere al bisogno di maggiore trasparenza ed efficacia dei trattamenti, il sistema sanitario internazionale sta abbracciando le tecnologie ICT, allo scopo di fornirci nel prossimo futuro sistemi diagnostici meno invasivi (come ad esempio la misurazione transcutanea dei gas nel sangue), sistemi di monitoraggio domiciliare per migliorare la qualità della vita dei pazienti che soffrono di malattie croniche (utilizzando ad esempio sistemi di monitoraggio cardiaco portatili), una dialogo più diretto e veloce con il medico attraverso l’uso della cartella clinica digitale.

So, we can say that today advanced health care, in addition to people, is a matter of data care.
(Pertanto, possiamo affermare che oggi i più avanzati sistemi di cura della persona, oltre che delle persone, devono avere a cuore anche i dati.)

 
human_side_data
 
 



2 risposte a “Il lato umano dei dati”

  1. usa news scrive:

    Superb website you have here but I was wondering if you knew of any user discussion forums that cover the same topics discussed here?
    I’d really like to be a part of group where I can get suggestions from
    other knowledgeable individuals that share the same interest.
    If you have any suggestions, please let me know.
    Thanks a lot!

  2. maddy scrive:

    Hi! Thank you for your message.

    If you are interested in the relationship between data and people, I can reveal you that I am going to to deepen this topic through articles and interviews with artists and companies, always according to Chic Words’ style: an analysis of projects in sports, medical and fashion sector starting from ICT technologies and reflections on how this project can affects our way of being and interacting with other people. So I hope you will continue to follow Chic Words!

    However, if you are also interested in more strictly technological insights look at https://quantifiedself.com, you will find a forum where you can exchange opinions with other users.

    If you have other questions do not hesitate to contact me also on Facebook: https://www.facebook.com/maddyxchicwords.

    Have a nice day!
    Maddy

Lascia una risposta

bevilacqua_chicwords_soprarizzo_velvet_11024x683
Il velluto della Tessitura Luigi Bevilacqua: una carezza che nasce nell’Ottocento
Chic Words | High-tech Fashion | Fashiontech | Dreamlux Velo Fabric
Dreamlux tessuti di Dreamlux
Chic Words | Pasqua 2021
Pasqua 2021
venice lagoon from the train
Ponte della Libertà, il portale spaziotemporale